Professoressa avvelenata dagli studenti

La folle idea degli alunni per saltare un compito in classe

Una professoressa si è sentita male dopo aver bevuto dell’acqua contaminata dai suoi alunni per evitare un compito in classe. L’assurda vicenda è avvenuta in una scuola bolognese, ma il responsabile del gesto non è ancora stato individuato.

"Basta con i raduni del 28 ottobre, del 28 aprile e del 29 luglio. Non vedo cosa c'entri Predappio ad esempio con la Marcia su Roma e quindi non colgo il senso di manifestazioni di questo tipo nella nostra città". Lo dice all'ADNKRONOS Giorgio Frassineti, sindaco del Pd di Predappio, paese del forlivese dove è nato Benito Mussolini, alla vigilia dell'anniversario di nascita del Duce. "Questa 'fascisteria' è nemica di Predappio - aggiunge il sindaco - non ci permette di pensare al futuro, ci relega al passato, fuori dalla ricerca della verità, della storia".

"Oggigiorno piuttosto che organizzare raduni di questo tipo - prosegue Frassineti - sarebbe più costruttivo discutere a 360 gradi della figura di Mussolini, in maniera più equilibrata. Noi sappiamo bene che il nome del nostro paese e' legato indissolubilmente a Mussolini ma vorremmo che la gente arrivasse a Predappio animata da curiosità e non da nostalgie fasciste. Chi arriva qui deve porsi delle domande e non vestirsi in camicia nera". (Adnkronos)